Ce l’ho ancora in bagno quel profumo, con un adesivo tondo dorato con su scritto “festa del papà”..

Ero piccolissima, andavo all’asilo…

Vicenza..abitavamo lì, in via Dè Cabalbi, nella palazzina verde, a due piani, noi eravamo al primo! Dal balcone della cucina si vedeva il giardino con il cancelletto dell’entrata principale del palazzo! Il vialetto fatto di ciottoli..stretto…cespugli..alberi! Dalla mia cameretta si vedeva il fiumiciattolo, con la siepe che puntualmente scavalcavo per andare a giocare da quella bimba che abitava lì, in quella casa bianca!

La ricordo bene quella casa, seppure l’ho vissuta nel periodo dell’infanzia e per 5 anni solamente.

Papà mi raccontò che avevo anche iniziato a parlare un pò con l’accento polentone…c’è da dire che da piccola prendevo gli accenti di qualunque posto visitassi: andavo in Sicilia dagli zii? Ero sicula! Stavo a Vicenza? Ero vicentina! Andavo a trovare i nonni a Napoli? Ritornavo napolegna! Bambina poliglotta io!

Era il 19 marzo del 1988/89 non ricordo di preciso. Come di consuetudine, Suor Anna Lucia (la più brava maestra d’asilo che potessi mai desiderare), ci insegnò la poesia da dire per la festa del papà. Prove tecniche a casa con mamma. Poi quel giorno ero in macchina con papy, forse era venuto a prendermi all’asilo..forse gli avevo già dato il profumo  (era stato chiesto alle mamme di portare una piccola somma per prendere questo regalino). Seduta sul sedile posteriore, lì nel mezzo in modo da guardare gli occhi di papà dallo specchietto, recitai d’improvviso la poesia che avevo imparato per lui… Accostò la macchina, mi accorsi di aver colpito nel profondo solo quando si girò a guardarmi…si era commosso…piangeva…

era la prima poesia, che recitavo per lui!

Oggi è il 19 marzo 2011, papy non è con me…non ho imparato la poesia per lui..ma ho imparato tanto negli anni trascorsi insieme.. Non avrei potuto desiderare un papà migliore di quello che ho avuto..

AUGURI PAPY!!!

TI VOGLIO BENE!

Mary

Annunci

Informazioni su tappotuo

Innamorata di un lemure..sognatrice..pazza a dosi esasperanti..e indiscutibilmente me stessa

»

  1. chisaitu ha detto:

    Un giorno senza rischio, è un giorno non vissuto!

    🙂

  2. sabby ha detto:

    scrivi: ho imparato tanto negli anni trascorsi insieme,
    questo conta, questo ti resta, e ti permette di essere quella che sei oggi!!!

  3. cavaliereerrante ha detto:

    Hai avuto un grande Padre, @Mary, e lui una grande Figlia che non lo dimentica mai !
    I miei auguri, ti giungono in ritardo, “ma doppi”, poichè vi riuniscono insieme !
    Con questa canzone-lettera, che tuo Padre ti avrebbe scritto, un giorno .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...