Se qualcuno di voi segue con costanza il mio blog, magari ricorda che sto attraversando un periodo un bel pò impegnativo. Dipendente da farmaci, per mia sfortuna o fortuna (dipende da come mi sveglio al mattino), sto continuamente a combattere con strani effetti collaterali. Paura. Ansia.

Oggi a Roma piove,e poi c’è il sole. Mi sveglio dopo una nottata tranquilla, ma l’ultimo ricordo di ieri sono io che mi rigiro nel letto, travolta da un tremendo capogiro, continuo. E poi i sogni…sogni strani che a volte neanche ricordo. Devo pagare la seconda rata universitaria, la multa che per un piccolissimo errore di distrazione mi sono beccata alla stazione di Napoli centrale, e la settimana prossima c’è da pagare anche l’affitto di aprile.

Ho controllato quanto ancora ho nella banca. Poco… mi basterà per un mese, eppure non mi faccio travolgere dalla depressione. Anche perchè qualcosina riesco a racimolarla con un paio di pazienti che ho sotto mano. E poi mi ha contattato l’agenzia di promozioni, se non avrò impegni continui con l’università magari potrei ritornare a lavorarci, ma lo saprò solo domani con precisione.

Ultimamente mi capita di pensare un sacco, alla vita che ho, a quella che vorrei, ai desideri per il futuro. Ai sogni. Penso e poi blocco la mente da sola…”Non è il momento, verrà da se”…mi ripeto spesso! Ma sì, perchè perdere tempo a pensare a domani, se poi domani verrà da solo e forse sarà diverso da quello che immagino?

Ho letto nei blog di un paio di voi, che c’è stata la giornata del “Regala un libro ad uno sconosciuto”…

lo avrei fatto anche io volentieri…e chissà che non mi vada di farlo nonostante il termine di scadenza era per il 25 marzo!

Mi piacerebbe comprare un libro e regalarlo ad una persona che reputo possa meritare un simile gesto..qualcuno che mi ispiri fiducia, qualcuno che come me possa apprezzare ancora l’odore  di un libro nuovo, o il rumore della carta quando giro le pagine.

E se magari il tempo ci dà l’onore di vivere giornate soleggiate di questo inizio primavera, mi piacerebbe starmene in riva al mare, come lo scorso fine settimana, a leggere il libro che ho da poco iniziato!

Sarebbe fantastico…

Mary

 

Informazioni su tappotuo

Innamorata di un lemure..sognatrice..pazza a dosi esasperanti..e indiscutibilmente me stessa

»

  1. menteipersinaptica ha detto:

    A volte anche io mi pongo domande stupide sul futuro, e dico “stupide” perchè alla fine quello che accadrà domani noi non lo possiamo sapere, sappiamo solo quello che è già accaduto e possiamo pilotare un poco, poco poco quello che ci accade nel presente…
    Io non lo so cosa succederà domani piccerè, so solo che finchè saremo in grado di viverci decentemente il presente, varrà sempre la pena aspettare il domani anche senza porsi domande (cosa per noi ipersinaptiche impossibile 😉 ), e anche quando il presente non è decente, questo ci aiuta a non dare mai le cose per scontate, a rimboccarci le maniche, a diventare migliori…
    Non lo so anche io stamattina sto un po’ così….sarà che non ho sentito la sveglia e mi so scordata di andare a lavorare 😛
    La verità è che sto stanchissima ma so anche che questa mole di lavoro così pesante prima o poi scemerà e io devo guadagnare oggi quanto + possibile perchè, appunto, domani, quando le scuole finiranno, ci sarà molto meno lavoro per me……e io devo mantenere me, casa, zoo, macchina e tutt o riest appriess

    dez laif

  2. tappotuo ha detto:

    mi chiedo: e se la soluzione a tutto questo fosse solamente il bisogno di una mini vacanzuccia rilassante?
    oh quanto gradirei…

  3. bottepiccola ha detto:

    Amore mio,tu sei forte..testarda e caparbia..Questo periodo finirà,continuo a ripeterti che non sei da sola,e non lo sarai mai,perché te l’ho promesso..non ti lascerò mai da sola..
    Io ti amo dolcissima Mary..

    • tappotuo ha detto:

      e tu sei una santa ed io una vera stronza! e mi riferisco alla telefonata di prima…
      devo darmi una regolata…o qui finirò per far diventare scema pure te!

  4. Grimilde ha detto:

    Bimba… io sono stata alcuni mesi con il conto a zero. Z E R O. E con una casa mia da tirare avanti. Sono stati giorni bui e freddi (azz, in senso figurato, non mi avevano ancora tagliato la luce, eh!!!), ma ho chiuso gli occhi, trattenuto il respiro e in qualche modo sono passati.
    Ricorda che l’ora più buia è quella che precede il mattino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...